5 modi di usare le storie come strumento educativo

Le favole aiutano i bambini a crescere felici:

ma come utilizzare questo meraviglioso strumento educativo?

BambinaRaccontare storie è un’arte. E, come tale, si può imparare.
Questi sono 5 modi -frutto soprattutto della mia esperienza diretta- con cui è possibile usare lo storytelling a scopo educativo: a voi la scelta su quali preferire e applicare.

 

 

Cosa intendiamo per storia educativa? Una storia può essere:

  1. Un racconto orale o scritto (libro, fumetto, …)
  2. Un cartone animato, un film o una recita a teatro
  3. Disegni e lavori fatti, ad esempio, con plastilina o foto
  4. Un gioco, con dei personaggi che agiscono secondo un copione (principe, principessa, fate, contadini, ecc.),
  5. Una canzone (si pensi, ad esempio, alla canzone “Il sirtaki di Icaro” dello Zecchino D’Oro del 2012), una poesia o, ancora meglio, una filastrocca (“Giovannino Perdigiorno” di Gianni Rodari ne è un esempio straordinario)

Attraverso queste 5 diverse forme di racconto, possiamo regalare ai nostri bambini una quantità notevole di esperienze e suggestioni utili, che li aiuteranno a crescere in modo più consapevole.

A ciascuna di esse, è possibile applicare 3 diversi approcci alla narrazione. Vuoi sapere quali sono?

Iscriviti al corso gratuito “Genitori da favola” o acquista subito il libro “Educare con le favole”; ti arricchirai di molte indicazioni utili per costruire storie fantastiche, da raccontare a tuo figlio.

Con queste storie, lo aiuterai ad accedere più facilmente alle sue risorse interiori per affrontare piccole difficoltà, durante la crescita.

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>